Extra,  Viaggi

5 motivi per cui viaggiare fa bene all’anima

Amo il mio lavoro…ma questo lo sapete già. Forse però non sapete il perché. Lo amo perché sono estremamente convinta che viaggiare faccia bene all’anima. Viaggiare apre le nostre menti, ci permette di comunicare con parti sottili di noi a cui difficilmente diamo tempo. In un viaggio il tempo si dilata, lo spazio diventa più vasto e le cose che davvero contano rimangono, le altre svaniscono.

Amandari | Bali

Sulla mia scrivania ho appeso un post it con questa frase:

‘Non è una questione di tentare di arrivare. Si tratta piuttosto di lasciarsi andare a essere dove già si è. Non vi è alcun bisogno di affrettarsi. E’ questo che l’anima richiede.’
(Mani di Luce – Barbara Ann Brennan)

Soneva Kiri | Thailandia

Lo leggo e rileggo quotidianamente, ogni volta che sono di fretta o mi sento agitata. E mi ricordo della sua importanza. Viaggiando…è più facile mettere in pratica le parole della Brennan. E qui vi spiego perché.

  1. Sperimenti la presenza

    Uno dei disagi più grandi che sperimentiamo nella società di oggi è legato al turbinio schizofrenico di impegni e cose da fare, nel più breve tempo possibile. La nostra mente si concentra più che può sull’evasione dal momento presente proiettandosi nel passato (i ricordi) o nel futuro (pianificando). Ma quando viaggiamo, il passato si fonde col futuro e tutto diventa presente. Possiamo abbandonare le preoccupazioni e smettere di pianificare qualcosa di diverso dal ‘dove vado a cena’ o ‘che maglietta mi metto oggi’ e lasciarci andare.

    El Silecio Lodge | Costa Rica
  2. Puoi essere te stesso

    Sia che si lavori, sia che si studi, sia che si faccia il genitore a tempo pieno,…la maggior parte del tempo ci siamo abituati ad indossare delle maschere. Maschere che ci aiutano ad essere apprezzati, considerati. Quando viaggiamo abbiamo un limite di peso da portare…e quelle maschere restano a casa. Incontrando persone che non conosciamo e che probabilmente mai rivedremo, ci concediamo il meraviglioso lusso di essere noi stessi. Senza trucco, senza filtri, senza maschere. E quando lo facciamo, ci accorgiamo di quanta meraviglia c’è dentro di noi…perché senza maschere, siamo tutti tendenzialmente più belli.

    La Finestra sul Fiume | Veneto
  3. Il tempo rallenta

    Alla fine, vuoi o non vuoi, siamo sempre tutti di fretta. Anche quando sembra che non ci sia nulla da fare corriamo. Quasi fossimo inseguiti da una tigre del Bengala coi denti a sciabola. Quante volte ci siamo detto che vorremmo giornate di 48 ore? Perché il tempo sembra non bastare mai e più corriamo più ci sono cose da fare. La nostra mente è figlia dell’abitudine, e se l’abituiamo a correre…correrà sempre di più. Ma quando viaggiamo quell’abitudine si spezza. Non abbiamo impegni particolari, mail urgenti che arrivano, telefono che suona impazzito, liste della spesa e case da pulire. E allora il tempo rallenta. E noi con lui. E l’anima sorride. Si ripresenta a noi che le permettiamo finalmente di entrare.

    Pilgrimage Village | Vietnam
  4. Diventiamo creativi

    La routine è massacrante. E’ quanto di peggiore possa esistere. Distrugge la creatività insita nel nostro essere, ci relega a una schiavitù quotidiana azzerando i nostri istinti. Quando viaggiamo le nostre routine si fermano. O se ne creano di nuove o si cancellano. Le nostre giornate si fanno più colorate. Ci accorgiamo che anziché guardare semplicemente ciò che ci circonda, possiamo osservare. Il che è ben diverso. Quando osserviamo un paesaggio questo diventa vivo e lascia un segno dentro di noi, un ricordo. Quando viviamo senza routine precostituite ci permettiamo di improvvisare…lasciando venire a galla il nostro meraviglioso lato creativo e ci riscopriamo.

    Kagga Kamma | Sud Africa

     

  5. Porta ad essere noi stessi

    Quando riesci anche solo per poco a vivere il momento presente. Quando non hai bisogno di una maschera per definirti. Quando hai tempo di chiacchierare (magari con uno sconosciuto) senza dover guardare l’orologio. Quando non hai programmi e lasci spazio all’improvvisazione. Quando tutto ciò accade, tu ti accorgi di avere qualcosa di diverso. Ti accorgi di essere differente, come se improvvisamente ti sentissi più sicuro di te. Ed è in quel momento che finalmente ti riconosci. Non hai più bisogno di altro, solo di essere te stesso.

    Kura Kura | Indonesia

E’ dall’inizio dei tempi che l’uomo desidera viaggiare e spostarsi…difficilmente è rimasto stanziale. E allora lasciamoci fluire e seguiamo il corso naturale dell’evoluzione…viaggiamo più che possiamo! Non è indispensabile andare dall’altra parte del mondo. A volte basta prendere un treno, fare qualche fermata e scoprire un paesino che non conoscevamo. Anche questo si chiama viaggio.

Tugu Lombok | Indonesia

P.s. le immagini dell’articolo vengono da alcuni Giraffe Hotel che, a mio modestissimo parere, possono davvero contribuire ad aiutarci a riconneterci con noi stessi. Diciamo, quelli più mistici di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.