Browsing Tag

spa

Africa, Hotel, Oceano Indiano

The Sands at Chale Island

South Coast, Kenya

“La magica fusione di natura e tranquillità unite ad eleganza e romanticismo”

thesandsatchale01

The Sands at Chale Island

Africa. Kenya. Natura. Mare. Sole. Privacy. Tutto questo fuso insieme all’interno di una piccolissima isola privata che si adagia al largo delle coste di Diani nel sud del Kenya. Un’isola che la si raggiunge in trattore se la marea è bassa, con una piccola barca se è alta. Il verde lussureggiante della natura incontaminata dell’Africa prende casa in un luogo mistico e impareggiabile. Un piccolo lago di acqua salata all’interno dell’isola permette a chi lo visita di vivere attimi di completo silenzio religioso.

015

La spiaggia

L’idea generale che si ha del Kenya è, oltre a safari e animali, di alberghi impersonali posti su lunghe spiagge. The Sands at Chale ribalta questo luogo comune e regala la possibilità di scoprire un’Africa diversa. Prima base di vedetta ai tempi del colonialismo, poi campeggio tendato per i più avventurosi, oggi eco-resort curato nei minimi particolari. L’architetto che l’ha ideata ha deciso a suo tempo di lasciare tutto com’era, utilizzando solo materiali locali…ha così costruito camere da letto nelle due torri di vedetta e adattato altre camere usando la tipologia delle tende da campeggio.

zanzibar

Escursione in kayak

Infatti…se si soggiorna in una cottage si entra dal bagno per poi accedere al resto della stanza. Nei bagni c’è un bottone che ti viene chiesto di spegnere quando non usi la doccia: è lo scalda bagno che consuma. L’acqua che bevi è depurata e ti viene servita in caraffe di vetro. Quello che ti insegnano al tuo arrivo in questo luogo, è il rispetto per la natura. Al tuo ritorno a casa ti renderai conto di quanto essa vada ringraziata e non sfruttata.

TCLUB_The sands at chale_spiaggia

La spiaggia

Sessanta camere di varie tipologie accolgono gli ospiti di questo eco-resort per donare loro il massimo. Le cottage, quelle che costruite con soli materiali locali, con ingresso indipendente e indipendenti loro stesse dal resto del resort, si adagiano su scogli lambiti dal mare. L’ overwater, lontana dalle aree comuni della struttura, regala ai propri ospiti tramonti sul mare mozzafiato. La Suite on the Rock, costruita su uno scoglio ad un’estremità dell’isola, illuminata la sera da romantiche candele, la scelta dei più esigenti che vogliono bere champagne in una jacuzzi privata che guarda Chale Island da lontano. Ognuna di queste camere è stata creata per far sognare e regalare ai clienti momenti da ricordare.

thesandsatchale02

Cottage room

Ogni mattina, il biologo residente sull’isola accompagna i clienti in escursioni alla scoperta della natura dell’isola. Ogni pomeriggio, intorno alle cinque, scatta l’ora del thè. E allora ci si accomoda al bar sulla spiaggia a sorseggiare tisane e mangiare pasticcini per ricordare che il thè è un momento da concedersi come pausa per staccare. Ogni sera, ci si addormenta con il rumore del mare che si infrange sugli scogli.

02KCHA-IM1002-the-sands-at-chale-1475

Il trattore

www.thesandsatchaleisland.com

www.hotelplan.it/tclubthesandsatchale

Hotel, Oriente

Soneva Kiri

Koh Kood, Thailandia

Solo per i miei clienti più esigenti. Solo per quelli che vogliono allontanarsi dai classici circuiti di massa e godere di luoghi senza tempo. Solo per quelli che, stanchi dei soliti resort standardizzati, vogliono scoprire qualcosa di nuovo e di particolare. Solo per quelli che sono veri viaggiatori e non semplici turisti. Solo per quelli che vorranno il meglio dalla vita e dalla loro vacanza, ecco che Soneva Kiri diventa il mio primo pensiero.

Private Cliff Reserve

Private Cliff

Distante dalla frenesia del Paese a cui appartiene, Soneva Kiri si trova nel Golfo del Siam sull’isola di Koh Kood, la quarta più vasta della Thailandia ma la meno popolata. Immerso in una natura lussureggiante, lambito da acque cristalline su spiagge bianchissime, il Resort è stato creato per integrarsi perfettamente con il paesaggio che lo circonda. Ispirato al concetto di lusso intelligente che solo la sua famiglia Soneva riesce a ricreare, Soneva Kiri è perfetto per il prolungamento di una viaggio in Thailandia dopo aver scoperto la magica Bangkok. Si raggiunge infatti con un volo privato di un’ora dall’aeroporto della capitale. Una volta qui, ci si ritrova proiettati indietro nel tempo come se questo si fosse fermato per celebrare quella che era un tempo la Thailandia dei nostri antenati. Lontano dai percorsi di massa battuti dai turisti, qui si respira l’autenticità di una volta potendo ammirare, nei giorni di limpida, le coste della Cambogia (che tra l’altro si raggiungono in una sola ora di barca).

South_beach

South Beach

Solo ville sono gli alloggi del resort, alcune direttamente sulla spiaggia bianca di Koh Kood, altre immerse nella vegetazione e altre ancora con vista mozzafiato sulla baia. Sono tutte costruite con i dettami del design eco-sostenibile utilizzando solo materiali locali, e nonostante questo, ognuna garantisce il lusso di un vero cinque stelle del Sud Est Asiatico. Ogni villa dispone di una piscina privata e alcune hanno addirittura una Spa al loro interno con un maggiordomo personale. Antistante l’ingresso si trovano biciclette e cart per raggiungere in comodità ogni angolo nascosto del resort.

tree_pod

Tree Pod

Cosa si può fare in un soggiorno a Soneva Kiri? Bhe…c’è l’imbarazzo della scelta! Da semplice relax all’ombra di una palma con un bel libro, a uno strepitoso snorkeling o un’immersione; da gite in barca a vela o su lancia a windsurf; al riposo rigenerante nella propria villa a un pranzo su un ristorante sospeso a cinque metri da terra serviti da un cameriere volante; si può visitare i vicini villaggi di pescatori o nuotare tra cascate secolari dopo un pic nic nella natura selvaggia. Si può, alla sera, guardare un film sotto le stelle al Cinema Paradiso sulla spiaggia, o osservare le stelle dall’Osservatorio. E poi ci si può deliziare il palato con i migliori piatti Thai accompagnati da uno dei cinquecento vini presenti nella cantina sotterranea.

waterfall picnic

Waterfall Pic-nic

E si può fare tutto questo con i piedi nudi…perché a Soneva Kiri il motto è…

…no news, no shoes. Thai style.

Beach(1)

South Beach

www.soneva.com/soneva-kiri

Africa, Hotel, Oceano Indiano

Soneva Fushi

Atollo di Baa, Maldive

Una volta nella vita alle Maldive bisogna andarci. Anche solo per provare l’emozione di trascorrere dei giorni su un’isoletta sperduta nel mare, circondata da acque cristalline piene di vita sottomarina dai colori arcobaleno, con una camera che quando esci o metti i piedi sulla sabbia o ti fai un bagno in mare, un luogo in cui le preoccupazioni svaniscono e lasciano spazio ai pensieri positivi che rinfrancano lo spirito.

Jungle-Reserve-from-sea3

Jungle Reserve

Con la famiglia Soneva le Maldive si possono vivere in un modo ancora più particolare. Si può trascorrere una vacanza ispirata a Robinson Crusoe senza tralasciare il lusso che solo Soneva è in grado di dare. Allora perché non scegliere di andare alle Maldive e farlo con uno stile impeccabile per vivere una vacanza memorabile e irripetibile?

Sandbank

Sandbank

Soneva Fushi, nell’atollo di Baa sull’isola privata di Kunfunadhoo, è la vera esperienza Crusoe, dagli arredi, alle camere, alle spiagge incontaminate, ai Mr & Ms Friday che si occupano di coccolare gli ospiti. Riserva della Biosfera UNESCO, Kunfunadhoo è l’isola tra le più grandi delle Maldive, con la sua lunghezza di oltre un chilometro e larga quattrocento metri. Queste dimensioni permettono a Soneva Fushi di regalare ai suoi ospiti un’intimità assicurata. Un’esperienza di lusso sofisticato che abbraccia la natura circostante rendendo il resort un vero paradiso idilliaco.

Sandbank-tent-details

Sandbank Tent

La filosofia di base di Soneva Fushi si ispira ad un lusso intelligente che combina i più alti standard di servizio e qualità con i principi della sostenibilità ecologica e la protezione dell’ambiente. Slow Life e No News No Shoes sono il motto del resort, che si ispira a un modo di vivere sano, legato al benessere, alla serenità e all’ecologia. Qui natura e ambiente si combinano perfettamente con un’esperienza e uno stile raffinati, eleganti ma sobri. Quest’ atmosfera si respira ovunque al Soneva Fushi ed è resa ancor più evidente dal dress code casual.

First_Floor_Bedroom

Bedroom, First Floor

Un soggiorno a Soneva Fushi vuol dire trascorrere una vacanza in una villa privata adagiata sulla spiaggia a pochi passi da una spettacolare barriera corallina. Vuol dire passeggiare per l’isola e scovare tartarughe residenti e conigli che scorrazzano in questo gioiello color smeraldo che spunta dal nulla di un mare color turchese. Quì ritorni bambino e per aiutarti a sentirtici il resort, quando arrivi, ti da una bicicletta per esplorare l’isola proprio come Robinson Crusoe. Pedalando incontri lingue di sabbia bianca che vanno a nascondersi in una giungla da scoprire. Ogni angolo di Soneva Fushi rappresenta un’emozione da vivere e ti renderai conto che non basteranno le giornate previste per provarle tutte!

Sunrise_Beach_Breakfast

Sunrise Breakfast

A Soneva Fushi non ti annoi mai, hai tante cose da provare, da sentire e da percepire sulla pelle che ogni giorno sarà diverso dall’altro. Potrai decidere di rimanere a casa e goderti la privacy della tua villa con un pranzo takeaway guardandoti uno dei cinquecento film caricati su un I-Pod di ultima generazione, oppure potrai guardare un film al Cinema Paradiso sulla spiaggia all’aperto, come potrai visitare l’Osservatorio Astronomico dell’isola e guardare le costellazioni guidato da un esperto. Potrai fare una crociera al tramonto con i delfini, o un picnic su una delle lingue di sabbia delle tre isole deserte vicine. Potrai ovviamente fare snorkeling e immersioni tra mante e razze, ma potrai anche rilassarti nell’esclusiva Spa Six Senses che ti accoglierà nel suo laghetto con cascata pronta a dedicarti trattamenti olistici o a farti partecipare ad una lezione di Yoga o Tai Chi. Soneva Fushi è fatto di scelte importanti, infatti potrai scegliere tra sessanta gusti di gelato, undici tipi di cuscini e cinquecento vini della wine cellar del resort.

Jungle Reserve view

Jungle Reserve View

Tutte queste scelte, tutte queste opzioni e possibilità, a Soneva Fushi sono realizzate nel totale rispetto per l’ambiente circostante, per garantire il minimo impatto sulla terra. Ogni cosa, dal legname ai raggi solari, viene riutilizzata.  Le materie prime utilizzate per preparare i prelibati piatti offerti dal resort nei suoi ristoranti sono tutte provenienti dalle coltivazioni dell’orto dell’isola o dalla pesca del suo mare circostante. La vicinanza con la natura, il profondo rispetto per le meraviglie del mare, lo stare a piedi nudi ventiquattro ore su ventiquattro, tutto per regalare agli ospiti una sensazione di libertà assoluta e pace interiore.

Observatory

Osservatorio

Soneva Fushi regala un sogno che diventa una realtà impareggiabile. Se vuoi il meglio dalla vita, se vuoi il meglio da una vacanza, se vuoi il meglio in assoluto…devi sceglierei di trascorrere del tempo a Soneva Fushi!

www.soneva.com/soneva-fushi

Hotel, Oriente

Amandari

Udub, Bali – Indonesia

Se si pensa all’Indonesia si pensa immediatamente a Bali…isola legata tra due mondi, quello spirituale e quello materiale. Isola che se si sogna con gli occhi di un bimbo si pensa a Peter Pan sull’ Isola che non c’è. Isola che rappresenta un paradiso afrodisiaco per chiunque vi si rechi. Bali è un luogo magico, etereo, mistico. Bali è un luogo in cui dover andare una volta nella vita. Un soggiorno a Bali prevede varie tappe, e la più mistica in assoluto è posta al suo centro: Ubud. Quint’essenza di Bali, Ubud offre un’insetimabile ricchezza d’arte e cultura, con una miriade di piccoli negozietti, gallerie d’arte, musei, studi di pittori locali e il coloratissimo mercato Pasar Seni.

Swimming Pool

Ma se Bali è da visitare una volta nella vita e se Ubud è una tappa fondamentale del viaggio, allora perché non godersi il lusso di farlo in un resort firmato Aman? Perché…non catturare tutto il mistico di Bali e soggiornare all’Amandari?

Amandari, o spirito di pace, si trova nel villaggio di Kedewatan, ai margini della capitale culturale Ubud. Arroccato su un’alta scarpata, Amandari è stato progettato come un tradizionale villaggio balinese: passerelle di ciottoli per collegare le varie suite alle aree principali, camere costruite con tetti in paglia ognuna con il proprio giardino recintato, il terreno stesso su cui poggia le fondamenta si dice che sia sacro. Un ambiente unico come base di appoggio per scoprire il centro vibrante di energia di Bali. Impregnato delle antiche tradizioni e delle credenze balinesi che lo circondano, Amandari riflette la cultura, l’arte, la danza e la musica del luogo che lo ospita.

Villa Suite

Se sceglierete Amandari come vostra casa per il viaggio a Bali, vi accoglierà una hall unica e irripetibile interamente di legno di cocco e teak locale con pavimenti in marmo chiaro colore miele che rendono dolce la prima accoglienza. Dopo il check in, sarete accompagnati in una delle trenta suite del resort, anch’esse di legno e paglia. Attraversando un giardino in stile balinese avrete accesso alla vostra stanza tramite una porta scorrevole di vetro ed entrerete in un ambiente circondato dal verde lussureggiante circostante.

Pool Music Pavillion

Vi ritroverete in una stanza completamente aperta, un’area che è divisa con l’esterno solo da pareti di vetro che vi faranno sentire in stretto contatto con la natura. I colori sono stati scelti per dare riposo agli occhi e all’anima, colori chiari in contrasto con il verde delle piante e il marrone del legno. Un’area soppalcata accoglierà il vostro letto a baldacchino, il bagno in marmo sarà incorniciato da grandi fioriere in pietra ricche di felci e heliconia. In alcune delle suite non avrete bisogno di incontrare nessuno, nemmeno per fare un bagno in piscina, perché ne avrete una vostra privata. Alcune di esse guardano dall’alto la gola del fiume Ayung che bagna le basi del resort, altre ammirano le risaie circostanti e le verdi coltivazioni a terrazze.

Suite

Dopo una passeggiata guidata nella natura di Bali, o un giro in bicicletta per le campagne come Julia Roberts in Mangia, Prega e Ama, fino al Lago Batur e il monte Agung, o dopo rafting lungo il fiume Ayung, tornerete ad Amandari e vi farete coccolare nella sua speciale Spa. Alla fine di un tortuoso percorso su un vialetto di ciottoli si arriva alla zona del benessere totale: salone di bellezza, area massaggi, sauna e bagno di vapore in marmo che guardano alla valle sottostante dell’ Ayung. Ma ad Amandari non sono solo queste i segreti del benessere, lo sono anche le lezioni di yoga con un insegnante apposta per voi.

Suite with Private Pool

Eh sì, Amandari è un vero e proprio ritiro spirituale in cui rigenerarsi e ritrovarsi. Amandari è un luogo indimenticabile, come lo è la natura che lo ospita.

Concedetevi il lusso di Amandari….concedetevi di vivere un sogno in un viaggio in Oriente.

www.amanresorts.com/amandari

Nosy Komba, Madagascar
Viaggi

MADAGASCAR DEL NORD

Cartina Sud Africa

Un viaggio di non solo mare tra profumi, spiriti maligni e barriera corallina.

Quando si avvicina l’estate molte persone entrano in agenzia, si siedono di fronte a me e mi chiedono di aiutarli a realizzare un loro sogno…andare in Madagascar! Con l’uscita del cartone animato bene o male ormai tutti sappiamo dove si trova e come è fatto…natura incontaminata, baobab, vaniglia, distese infinite di terre e soprattutto mare bellissimo! Il Madagascar è un viaggio che consiglio vivamente a tutti gli amanti della natura, ma anche a chi ama godersi del totale relax in una spiaggia corallina lambita dalle acque calde dell’Oceano Indiano. Un viaggio in questa terra ti lascia dei ricordi indelebili, per la sua cultura e i suoi abitanti, che hanno sempre un sorriso per tutti; per i suoi fondali corallini talmente belli che se Monet li avesse visti, guardandoli avrebbe dipinto uno dei suoi quadri migliori; per quegli animaletti endemici che solo lì esistono, degli incroci tra scimmiette e non so cos’altro, che nell’antichità tutti ne avevano paura perchè pensavano fossero spiriti maligni, ma che se li tocchi sono dolcissimi e con quegli occhioni ti guardano e ti viene da commuoverti; per la vaniglia che è ovunque, in qualunque piatto o bevanda tu scelga di degustare; per le stoffe stupende ricamate a mano da portare a casa e farci i regali di natale o addobbare una tavola che farà invidia a chiunque; per gli alberi che alti così non li avevi mai visti, e che ti ricordano il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry; per le distese di fauna spettacolare, e di rossi pinnacoli che spuntano dalla terra, che formano vere e proprie cattedrali naturali; per le piantagioni di cacao, caffé e ylang ylang, che ti lasceranno stampato in mente per sempre un profumo inebriante. Potrei andare avanti a scrivere un libro, se volessi descrivere tutte le meraviglie di questo Paese. Ma non sono quì per questo. Sono quì, perchè i miei amici clienti mi hanno chiesto un viaggio in Madagascar, e devo organizzarlo nel migliore dei modi!

Nosy Komba, Madagascar

Il mio consiglio è di prendersi due belle settimane di ferie per visitare almeno la parte nord del Paese. Come tutti, in questo periodo storico, arriviamo ad agosto che siamo a pezzi, stanchissimi da un anno intenso di lavoro e dagli stress che ci provocano la famiglia, la mancanza di soldi, l’insicurezza stessa di avere o meno un lavoro domani. Quindi sinceramente non me la sento di proporre a tutti un tour de force in tutto il Madagascar. Per carità, è spettacolare, ma preferisco proporre un assaggio abbondante del nord e poi mandare i miei clienti a riposarsi su una spiaggia con un buon libro o ipod nelle orecchie. Tu che dici?

Io e un lemure, Nosy Komba

Quindi, inizio dicendo che c’è una meravigliosa notizia per voi: un volo diretto da Milano Malpensa! Si parte la sera, si dorme in volo, e la mattina si atterra in uno dei posti più spettacolari del mondo. A prescindere dal budget che i miei clienti hanno, la prima settimana sarà dedicata alla scoperta del nord con una guida e un gruppo di persone con cui condividere quest’esperienza. Dico “a prescindere dal budget” perché il Madagascar è un Paese ancora da svilupparsi turisticamente parlando, le strade per la maggior parte non sono asfaltate e gli hotel migliori sono dei nostri 2-3 stelle…quindi il giro è lo stesso per tutti! Nel tour si potranno ammirare sconfinati parchi naturali, con habitat selvaggi di grotte, fiumi sotterranei, maestosi canyons e foreste abitate da quegli animaletti spiritati che si chiamano lemuri. Si fotograferanno i fantastici Tsigny, uniche e formidabili formazioni rocciose databili a circa cento milioni di anni fa; massicci di origine vulcanica ricoperto da vegetazione lussureggiante e cascate; foreste di baobab endemici del luogo. Si organizzeranno gite in 4×4 su spiagge incontaminate; visite delle cittadine locali con scoperta dei modi di vivere delle persone del luogo. E’ un luogo comune definire “povero” questo Paese. Certo, non hanno i comfort che abbiamo noi né la sicurezza, la sanità e tanto altro che di certo lo lasciano un paese del terzo mondo; ma in Madagascar non si muore né di fame né di freddo. Le sue terre producono cibo in abbondanza per tutti, e climaticamente parlando ci troviamo in un paradiso.

Nosy Komba

Una volta terminato questo meraviglioso viaggio alla scoperta del Nord del Madagascar, il pulmino si dirigerà verso il porto che vi porterà con una breve navigazione dove è atterrato l’aereo la settimana prima…a Nosy Be (Nosy in lingua malgascia vuol dire isola, quindi l’isola di Be). Quì, mi posso sbizzarrire nel consigliare un’infinità di strutture presenti. Ma la mia attenzione non cadrà solo sulla qualità dell’albergo, ma sulla posizione. Non tutte le spiagge possono essere come ce le immaginiamo. Tutte soffrono dell’alta e bassa marea, quindi acqua metà giornata, l’altra metà paesaggio lunare; spesso ci sono alghe che non rendono facile la balneazione; le spiagge non sono tutte bianche coralline come ce le aspetteremmo. Una volta istruiti i miei clienti su questo fattore, le mie proposte (per la mia conoscenza nel settore che ahimé sarà comunque limitata), andranno sull’Andilana Beach Resort che ha la particolarità di avere due spiagge, quindi se la mattina un lato è brutto si va nell’altro, e al pomeriggio viceversa! Proporrò anche il villaggio Orangea, piccolo e raccolto; il Coral Noir, intimo e di fronte a un’isolotto incontaminato e disabitato con spiagge stupende che si può raggiungere con una barchetta o in kaiak.

Mare di Tsarabanjina

Ma se i miei clienti avranno messo da parte un pò di soldini, se potranno permettersi quel lusso in più….allora senza ombra di dubbio la mia scelta ricadrà su una delle strutture più belle che occhio umano abbia mai potuto vedere. Una struttura dove quando attracchi con la barca, lanci le scarpe a riva e appoggi i tuoi piedi nudi sulla sabbia che non scotta anche se ci sono 30 gradi…ti guardi intorno e ti dici che non credevi potesse esistere il paradiso sulla terra…ma ti sbagliavi! Quello in cui sei è un vero paradiso terrestre! Ti guarderai intorno e vedrai che il mare illuminato dal sole è di un azzurro che nemmeno il più grande pittore è in grado di dipingere, che la sabbia è talmente bianca da fare quasi male agli occhi, che la vegetazione è così lussureggiante che avresti voglia di perderti nei suoi meandri. Ti renderai conto che ogni centesimo speso per questa vacanza, sarà stato ripagato. Questa struttura è gestita dalla Constance Hotels & Resorts, e si chiama Constance Lodge Tsarabanjina.

Tramonto a Tsarabanjina

Soggiornare sette notti in questa struttura vorrà dire dormire in un bungalow tutto tuo, in stile Robinson Crusoe, e sapere che di bungalow ce ne sono solo 25, quindi quando l’isola è piena sarete al massimo in cinquanta ospiti (con ottanta persone di personale). Vorrà dire prendere un aperitivo a piedi nudi in un bar sulla piaggia, il cui pavimento è fatto di sabbia. Cenare a lume di candela con il rumore delle foglie mosse da un leggero vento e delle onde che si infrangono sulla spiaggia, mangiando pesce appena pescato accompagnato da un ottimo vino sudafricano. Vorrà dire nuotare in una mare spettacolare, e con una bombola immergerti e scoprire una barriera che così bella non l’avevi mai vista. Trascorrere sette notti in questo posto, vuol dire rigenerarsi completamente e scoprire parti di sé che non si conoscevano. Vuol dire trovarsi in paradiso.

Le fotografie di questo post sono state scattate da me. 

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com

Oriente, Viaggi

BALI

Tempio Bali

Un viaggio alla scoperta di un’isola che appartiene agli Dei.

Sono da sempre stata affascinata ed attratta dall’Oriente, e Bali rappresenta una meta che, prima o poi, dovrò assolutamente visitare! Un giorno vengono da me due ragazzi giovani, che volevano organizzare il oro viaggio di nozze! Le idee come sempre erano tante, si partiva dal Brasile alle Hawaii, dal Canada alla Namibia. Ma il budget non era così alto da poter organizzare un viaggio di quella portata. Così, lancio la mia pulce e parlo dell’Oriente…dopo pochi racconti si sono innamorati dell’idea di trascorrere la loro luna di miele in Indonesia! ‘Tanah Air’ (= Indonesia appunto) vuol dire terra e acqua, si tratta di un immenso arcipelago di isole che si estende su due continenti, è così piena di isole e isolotti che secondo alcuni non si può essere certi del loro numero esatto. Una di queste isole è Bali. La Bali che conosciamo per le sue stoffe, per le sue spiagge da surfisti, per i suoi templi immersi in una vegetazione spettacolare, per la magia che solo in quest’isola riusciamo a percepire e per i suoi abitanti, i balinesi che ti fanno sentire a casa, e voler fare come Javier Bardem in “Mangia, prega e Ama” e restare a Bali per sempre! La prima cosa a cui ho pensato è stato se il periodo fosse ideale, perché da novembre a marzo in Indonesia piove e quando piove in oriente…piove davvero! Ma il loro periodo era l’estate secca, quindi Bali Bali Bali!!!

Una volta arrivati alla capitale Denpasar la mia coppietta di innamorati sarà accolta da un assistente locale e un autista (davvero importante averne uno) e portati in uno dei tanti hotel della costa. Il mio consiglio è stato quello di farli soggiornare in uno dei tanti hotel della zona Jimbaran o Seminyak. Da lì ci sono collegamenti facili per spostarsi nell’isola. Di per sé quest’ultima non è immensa, ma il traffico è davvero tanto e là non trovi Audi o Golf, trovi trattori, carretti, biciclette, motorini, e ogni forma possibile di trasporto compresi asini e bovini! Quindi scegliere l’hotel di partenza a Bali è molto importante. Anche perché di per sé non ha un mare che meriti particolarmente, a meno che tu non ami fare surf! L’unico punto bello è nella zona di Nusa Dua, ma è troppo isolato per poter vivere la vera Bali. Il soggiorno balneare…l’ho organizzato da un’altra parte! Ma di questo parlerò tra poco.

Tornando quindi alle prime notti….per non sbagliare e fargli trascorrere la prima notte di nozze in una camera da favola con vasca in mezzo alla stanza e una vista terrazzo sulla vegetazione che circonda la tua stanza, ho scelto dopo tante ricerche il Tugu Hotel Bali. Da lì sarà comodo per loro spostarsi facilmente per l’isola con la loro guida o da soli con i taxi. Potranno poi perdersi nelle vie e fare mambassa di pezzi di artigianato, batik e dipinti naif; imbucarsi poi in un ristorantino tipico indonesiano a mangiare piatti a base di carne con le sue influenze cinesi che hanno portato il riso come compagno di ogni pasto. Per chi ha tanto tempo a disposizione fare un bel tour dell’isola fermandosi a dormire in vari posti quali Lovina a Nord e Candidasa a Est è un’idea bellissima, ma i miei sposini non ne hanno tantissimo, e così vederanno Bali dal Kupu Kupu per 4 notti. E in base ai gusti, a loro ho lasciato scelta libera in loco, potranno vedere le risaie di Jati Luwi fino al tempio Ulun Danu sul lago Beratan; visitare il più importante e famose tempio di Bali, il Besakih, eretto a mille metri di altitudine sui fianchi del vulcano Agung; visitare il mercato delle verudre, frutta e spezie di Amlapura; e tante, tante altre meravigliose escursioni che regaleranno emozioni uniche. Da lì, tappa obbligata saranno almeno due notti ad Ubud! Ubud è nella parte centrale dell’isola, ed è disperso in mezzo a foreste rigogliose e piante secolari. Se vogliamo parlare di lusso il Royal Pita Maha e il The Viceroy sono sicuramente le struttura perfette, ma per mio gusto personale trovo che siano molto più caratteristiche e piene di fascino l’Ibah Luxury Villas & Spa in Villa Allamanda. Utilizzando come base Ubud i nostri sposini potranno fare trekking fino al tempio Pucak Payogan; andare nella foresta delle scimmie; fare rafting e partecipare a una danza Kecak bevendo un aperitivo seduti su una roccia a strapiombo sul mare all’ora del tramonto!

Pixmac000053271659

Dopo le mille foto scattate nella magica Bali, o tramite un volo interno o via terra e mare, comunque una tratta in catamarano andrà fatta, raggiungeranno una delle due isole vicine…Gili! Gili è famosa per le sue spiagge di sabbia bianca lambite da un mare cristallino, per la sua vegetazione rigogliosa e per l’assoluto relax che un soggiorno in quest’isola è in grado di regalare. Le strutture sono tutte molto semplici, non ci sono hotel di lusso, e l’unico a mio parere che si possa prendere in considerazione è il Villa Almarik Boutique Hotel. Trascorsi i giorni di relax e romanticismo, i miei sposini tornano a casa, ma un viaggio a Bali può proseguire con un paio di notti a Lombok, e bisognerebbe andarci solo per soggiornare al Tugu Lombok, circondato da una lussureggiante vegetazione tropicale con vista sull’oceano e sul Monte Rinjani. Struttura creata per far vivere un’atmosfera di puro romanticismo, eleganza e totale privacy con cene a lume di candela e personale in costume locale. Terminato il soggiorno mare, le scelte sono due: o rientrare su Bali, trascorrere l’ultima notte a Seminyak per fare shopping compulsivo di souvenir e regalini, e rientrare in Italia; oppure…scegliere di fare ancora due notti in un’escursione direi più unica che rara a Flores & Komodo. Due giorni alla scoperta del famoso Drago di Komodo, la più grande lucertola preistorica che abita queste isole.

Terminato questo viaggio e rientrati a casa, i miei giovani innamorati scaricheranno le foto fatte e si rivedranno sorridenti, felici e pervasi dal ricordo di una comunione perfetta di culture differenti, che solo Bali è in grado di avere. Verranno da me e mi faranno vedere quelle immagini…e io sarò felice perché avrò fatto vivere loro un sogno meraviglioso!

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com