Browsing Tag

riserva naturale

Africa, Hotel

KAGGA KAMMA

Permetti allo spirito di questo magico luogo di colmare la tua anima.
Concediti il lusso di dormire una notte sotto le stelle.
Un tempio per gli amanti della natura a tre ore da Cape Town. Continue Reading

Africa, Viaggi

KENYA

Insolito Kenya

Un Kenya che non ti aspetti,
un Kenya autentico lontano dai luoghi comuni,

un Kenya tutto da scoprire.
Perché i luoghi non sempre sono come ce li aspettavamo.

timthumb

Safari in bicicletta

Un viaggio che parte con un volo su Nairobi e si addentra nei meandri più sconosciuti di una delle terre più belle del mondo. Un viaggio alla scoperta di un Paese di cui si conosce ancora molto poco. Un viaggio in Kenya, dove gli animali vivono liberi e detengono il diritto di cittadinanza proprio come gli esseri umani.

homebannerimg2 (1)

Experience Magical Kenya

Il Kenya non è soltanto luogo di mare a Watamu e Diani, di piccoli safari giornalieri nel Parco Tsavo, di villaggi con animatori italiani e masai globalizzati che nel taschino hanno nascosto l’IPhone. Il Kenya che questo articolo vuole presentare, è un Kenya dove poter fare safari tra i Big Five in groppa ad un cavallo, dove si può scorgere un elefante sulla riva di un fiume in cui si sta facendo rafting, dove scopri la savana in mountain bike o scali una montagna facendo trekking, un Kenya dove se giochi a golf puoi avere i migliori campi nascosti, dove gli animali (a differenza del Sud Africa) vivono liberi e in quantità enormi.

grwat

Great Reef Valley

Un viaggio nel Kenya autentico prevede un soggiorno nella Great Rift Valley: un’immensa fossa tettonica che partendo dalla Siria e terminando nel Mozambico, attraversa il Kenya e lo taglia con una valle larga fino a quaranta chilometri. Questa ferita ha permesso all’acqua di fuoriuscire dalla terra dando luogo, a 1.900 metri di altezza, a sconfinate valli di fiori e vegetazione rigogliosa. Quì sorge uno dei quarantotto golf club dell’Africa. Si gioca a quasi duemila metri di altitudine. Si possono inoltre fare safari a piedi, o a cavallo…piuttosto che nelle solite auto o jeep. In queste zone troviamo i laghi più spettacolari di tutta l’Africa, risultati da queste fratture nel terreno, alcuni di acqua dolce e altri salata, pieni zeppi di fenicotteri rosa e animali che si avvicinano alle loro acque per abbeverarsi.

kingfisher_ke

Birdwatching

Un altro safari a piedi o addirittura in bicicletta è quello all’interno dell’Hell’s Gate National Park. Con i suoi canyon che scendono in profondità si possono organizzare arrampicate o giornate di trekking a contatto con una natura emozionante. Spostandosi verso gli altopiani occidentali si scopriranno piantagioni di caffè e tè o luoghi in cui i birdwatcher perderanno la testa. Esiste infatti una foresta in cui sono presenti trecento tipi di volatili diversi e ben quattrocento tipi  di farfalle! Ma non è finita: anche gli amanti della corsa troveranno quì il loro paradiso perfetto. Esistono infatti campi di addestramento alla maratona che abbinano giornate in campi pratica e poi in safari.

Testo0218

Safari a cavallo

E se vi dicessi che in Kenya si fanno escursioni addirittura in cammello? Eh sì, sulle rive del Lago Turkana si scopre un paesaggio lunare e solitario, dal singolare interesse antropologico, che si può percorrere su due gobbe. Un magico e mistico lago che viene chiamato dai locali “lago di giada” con tre isole al suo centro tutte da scoprire. Di tutte le cinquantadue tribù indigene kenyote, le principali si trovano proprio intorno a questo lago. Ed è anche quì che è stato rinvenuto il Turkana Boy, ominide del Peistocene.

308

Tribù Samburu, Lago Turkana

Se del Kenya l’immaginario comune è fatto di resort sulla spiaggia e campi in muratura dei parchi, nelle riserve del Nord si scopre qualcosa di diverso. Non esistono strutture in cemento, ma solo campi tendati e lodge il cui estremo lusso è dato dalla natura e dal servizio esclusivo che riservano per i loro ospiti. Sono infatti costruiti in punti strategici lungo corsi d’acqua per permettere a chi vi si reca di vedere molti più animali di quanti ne potesse immaginare. Una giornata tipo in uno di questi lodge prevede una sveglia all’alba con colazione servita in camera, un game drive guidato alla ricerca dell’animale preferito (qui i ranger non ti portano a casa finché non sono riusciti a farti vedere l’animale che preferisci), pranzo e relax, e poi di nuovo game drive il quale a volte può addirittura essere organizzato in notturna. Questi lodge ospitano al massimo venti persone, i safari sono organizzati in fuoristrada lungo percorsi non segnati…ci si addentra quindi all’interno alla scoperta di ogni punto dei parchi seguendo non percorsi ma odori e segnali lasciati dagli animali. Ecco un assaggio di quello che rappresenta il Meru National Park.

elsas-kopje-02_940_529_80_s_c1

Meru National Park

Da scoprire ci sarà anche il fiume Tana, il più grande fiume del Kenya su cui poter fare rafting; la bianca vetta del Monte Kenya; oppure si può scoprire la Toscana del Kenya: Laikipia. Si atterra con un piccolo aeromobile lungo una striscia di terra rossa e ci si ritrova circondati da giraffe e zebre. Quì questi animali stanno ai locali come cani gatti stanno a noi occidentali. L’ancestralità di questi luoghi ti fa piombare in un altro mondo parallelo e ti scatena il cosiddetto Mal d’Africa. Anche quì i safari si potranno fare a cavallo, tornando poi a dormire in piccoli lodge circondati da colline verdeggianti. E quì si può dormire in uno dei pochi hotel da milioni di stelle in uno starbed: una casa sull’albero con un letto a ruote che puoi portare dove vuoi e dormire sotto le stelle.

Nkwichi-Lodge-Star-Bed

Starbed

Esiste in Kenya un lodge particolare sui monti Aberdares, uno degli ultimi parchi ad ospitare il rinoceronte nero est africano. Esiste un lodge che per ogni camera ha una campanella la quale viene suonata ogni volta che dalla finestra si vede avvicinarsi alle acque che lambiscono le fondamenta uno dei big five…notti in bianco che rimarranno indelebili nella memoria perchè trascorse a scorgere e ammirare animali che ti si avvicinano nel cuore della notte.

abersdare

Rinoceronte bianco

Terminati giorni di scoperte e avventure, il Kenya regala ai suoi ospiti un soggiorno mare indimenticabile. Se si vuole stare lontani dalle famose Diani e Watamu, questo Paese vi porta a Lamu: il mare con personalità. Sulle spiagge di questa zona sorge una cittadina dove non esistono auto ma solo asini, e quindi taxi-asino. Si respira un clima arabeggiante portato dai tempi delle colonizzazioni. Quì si trovano solo piccoli hotel di charme e raccolti hotel tutti in stile ecosolidale.

lamu

Lamu

Per i più tradizionali invece, il mare lo si potrà fare lungo le bianche spiagge di Diani o vicini all’animata Malindi. Oppure, per trovare esclusività, lo si potrà fare su un’isola privata sul quale sorge un eco resort esclusivo e unico nel suo genere: il preferito della Giraffa, il The Sands at Chale.

maramigrationimg1

Mara Park migration

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com

Stati Uniti, Viaggi

THE WEST OF U.S.A.

shutterstock_16007131

Un viaggio on the road che parte dalla bella San Francisco,
passa per canyon e valli sconfinate
per arrivare alla sfavillante Las Vegas.
Un viaggio on the road da vivere alla Kerouac…
…senza sapere dove tutto questo porterà…

Sono amici, quelli che questa volta mi hanno chiamato per aiutarli in una consulenza su un viaggio. Il viaggio dell’estate, del mese di agosto dove tutto costa tanto e le spiagge sono brulicanti carnai. Tutto inizia con una telefonata breve e incisiva “Siamo io e la mia fidanzata, vorremmo andare lontano, senza spendere troppo. Vorremmo scoprire nuovi luoghi, conoscere nuove persone, stare a contatto con la natura ma anche divertirci un pò”. I miei pensieri di dirigono immediatamente verso un’unica meta possibile per loro….la parte Ovest degli Stati Uniti.

inconfondibile-ovest_149612675-2000x550

Così comincia un viaggio che parte da San Francisco, la bellissima città diversa da tutte le sue sorelle statiunitensi, giovane, cosmopolita, anticonformista e ribelle. Si fermeranno a dormire in un hotel nella zona di Union Square o Fisherman’s Wharf. Trascorreranno almeno tre o quattro notti per scoprire questa metropoli californiana raccontata da Kerouac e Jack London, dipinta da murales che dagli anni trenta rendono i suoi muri i più fotografati al mondo, progressista, piena di musica e colore.

san-francisco

San Francisco Golden Gate

Il noleggio macchina…? No grazie! perché quì basteranno i cable car, i famosi tram, per permettere ai miei amici di raggiungere i punti principali della città. L’auto a noleggio, magari una bella mustang fiammante, la prenderanno dopo essere atterrati a Las Vegas con il volo da San Francisco. Da quì, il loro viaggio assumerà un sapore diverso. Si tingerà di natura spettacolare e paesaggi mozzafiato partendo in direzione della Navajo Nation Reservation ed entrando all’interno di un parco interamente gestito dai nativi americani…la Monument Valley. I loro occhi si perderanno all’orizzonte ammirando la terra piatta e pianeggiante interrotta a momenti da improvvise formazioni rocciose che si staglieranno rosse come il fuoco contro il cielo blu. Foto, foto e foto sono quelle che vorranno scattare in ogni momento del loro viaggio. Poi si compreranno un bel cappello e magari faranno una passeggiata a cavallo…ritrovandosi catapultati in quello che anni fa era il grande far west!

monument-valley

Monument Valley

Proseguiranno dopo un paio di giorni in direzione Grand Canyon: dopo quella africana, la più grande frattura del nostro pianeta, profonda oltre millecinquecento metri. Quì vento, acqua e ghiaccio si sono uniti insieme per creare uno dei più grandi spettacoli naturali che l’uomo possa mai ammirare. I miei amici si lasceranno travolgere dalle emozioni che questo spettacolo creerà nei loro animi, si sentiranno piccoli in confronto a tanta grandezza, si faranno coinvolgere da questa dirompente natura che entrerà nei loro cuori lasciando un segno indelebile nella loro memoria. Anche quì…foto, foto e foto saranno quelle che scatteranno cercando di imprigionare quelle immagini per sempre per non farle scappare.

grand canyon

Grand Canyon

Qualche giorno nel Grand Canyon per poi farsi tornare la voglia del contatto con la civiltà; troppe stelle nel cielo perché facciano venire quasi voglia di trovare un luogo dove da lì, non ce ne sono…sì, perché in valigia lei avrà messo anche un paio di tacchi e un abito di seta da sera, e lui una bella cravatta abbinata a gemelli porta fortuna. Vi chiederete perché proprio porta fortuna? Bhè…perché il loro viaggio proseguirà in direzione Las Vegas e là la fortuna sarà la loro migliore amica! Bellagio, sarà la parola d’ordine per le loro notti nella capitale del gioco, nella capitale della notte dove il giorno non esiste e la notte diventa regina.

las-vegas

Una città impossibile, che ospita al suo interno le città più belle del mondo. Una città fantasma che spunta dal nulla in mezzo al deserto per dare luogo al più grande spettacolo di luci che occhio umano abbia mai visto. Las Vegas per loro non sarà solo roulette e black jack, saranno anche locali e discoteche, spettacoli di tutti i tempi, vulcani che eruttano e antichi romani in divisa, contrasti e combinazioni di colori mai viste….Las Vegas sarà tanto, e sarà tutto. Sarà la ciliegina rossa sul loro viaggio che era cominciato con tanti dubbi e alla fine terminerà con un uno solo….ma perché non ci torniamo anche l’anno prossimo?

Fountains_bellagio

Bellagio

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com

Oriente, Stati Uniti, Viaggi

GIAPPONE & HAWAII TERZA PARTE: HAWAII

1

Hawaii

E la mattina atterreranno ad Honolulu e con una ghirlanda di fiori al collo usciranno dalle porte scorrevoli dell’aeroporto e respireranno un’aria diversa…un’aria intrisa di salsedine e di benessere, un’aria calda e rigenerante carica di energia che pervaderà la loro essenza facendoli sentire nel posto giusto al momento giusto. Un taxi li porterà all’hotel prenotato sulla spiaggia di Waikiki. Disfatte le valigie usciranno per conoscere questa città unica e incredibile. Si renderanno conto che alle Hawaii nessuno va di fretta,il tempo si fa più lento, tutti vivono in pace e con tranquillità. Si ritroveranno immersi in un’atmosfera particolare e guardando il mare che protegge la spiaggia con dei frangiflutti ammireranno una piscina naturale. In un attimo si farà sera e allora si perderanno a guardare milioni di fiaccole che illumineranno tutta Waikiki. Il giorno dopo lui proverà a fare surf, perché si sa che le Hawaii sono il paradiso dei surfisti. Miti e leggende locali raccontano che il sole rallenti quando passa sopra queste isole, e che l’energia di questo luogo regali coraggio ai surfisti per affrontare le onde più grandi. Il giorno dopo, di buon mattino,  sceglierà di stare con lei e di andare a scoprire qualcosa di magico e spettacolare…andranno ad Hanuma Bay, a un paio di chilometri da Honolulu, per nuotare in una baia naturale creata dallo sprofondamento di un cratere che ha lasciato entrare acqua di mare al suo interno…qui si godranno uno snorkeling impareggiabile!

690x380-Maui-Beach-01

Maui

Dopo qualche giorno trascorso nella grande Oahu si sposteranno verso la piccola Maui, quella in cui a mio parere ci sono le spiagge più belle. Ritireranno un’auto a noleggio fuori dall’aeroporto e cominceranno la visita di questa piccola grande isola percorrendo la meravigliosa Hana Road…oltre ottanta chilometri di strada che curva per seicentodiciassette volte srotolandosi attorno ad una montagna. Tanti saranno gli slarghi per potersi fermare e addentrarsi all’interno dell’isola che scopriranno essere un vero giardino botanico a cielo aperto.

hawaii-dance

Hawaii Dance

Dopo essersi goduti il mare selvaggio di Maui si sposteranno a Kauai: l’isola giardino. La più selvaggia di tutte le Hawaii. Tanto incontaminata che alcuni punti dell’isola li puoi raggiungere solo in barca o in elicottero. Tanto vergine che i produttori di Lost ci hanno girato gran parte della serie! A Kauai potranno scoprire il Grand Canyon hawaiano…mille metri di profondità in cui addentrarsi! Una giornata la trascorreranno in barca, a fare milioni di foto ad una scogliera che si getta nel blu del mare regalando uno degli scenari più suggestivi al mondo: fotograferanno la Na Pali Coast. Un’altra giornata la dedicheranno al trekking…percorreranno la Kalalu Trail che i nativi utilizzavano per andare oltre la montagna. Quì ammireranno paesaggi surreali, con una vegetazione impervia che copre ogni singolo centimetro quadrato della montagna. A bordo di un elicottero si immergeranno tra le nuvole che nascondono cascate che nascono dal nulla e si disperdono nel nulla. Nel pomeriggio prenderanno un kaiak e si addentreranno nell’isola trasportati dal Wailua River per raggiungere una cascatella.

kauai

Kauai

Se vorranno potranno poi spostarsi nella più grande delle isole Hawaii: Big Island. Solo due saranno le spiagge balneabili, ma scopriranno il Volcanos National Park. Ci arriveranno attraverso una strada che percorre la caldera di , il più grande vulcano attivo del mondo. Si ritroveranno nel posto più unico del nostro pianeta, ammireranno colate di lava densa che arriverà fino al mare. La notte su una barca si godranno uno spettacolo pazzesco guardando scendere questo fiume rosso nell’oceano creando un’atmosfera surreale da sogno.

vulcano-Kilauea-hawaii

Volcano Kilauea

Forse avranno qualche giorno in più o forse ci torneranno la prossima volta, ma potranno completare il viaggio andando a Lanai e Molokai. Lanai, un’isola minore perché sono solo due gli hotel grandi, gli altri sono tutti Bed & Breakfast…un paradiso per gli amanti del surf e del golf. Molokai, la meno sviluppata al turismo che esista, i locali vogliono preservare l’autenticità dell’isola e conservare i loro usi e costumi senza influenze esterne. Un mondo parallelo al nostro, in cui il tempo si è fermato a cinquant’anni fa. Dune di sabbia, tartarughe, foche e leoni marini che si spiaggiano a prendere il sole di fianco a te. Forse quì potranno anche scoprire un nuovo modo di vivere…una nuova filosofia, una nuova vita, una nuova interpretazione dell’esistenza, un contatto con il loro vero Io. Forse scopriranno l’Ho’oponopono. E allora continueranno a ripetersi…”Mi dispiace, Ti prego Perdonami, Grazie, Ti Amo“!.

maui

Maui

Quando consegneranno in aeroporto l’ultima auto a noleggio e si dirigeranno verso la fila del check in, guarderanno fuori le isole che hanno fatte parte del loro viaggio d’amore…sentiranno nostalgia e malinconia perché nulla di questo viaggio li avrà delusi. Si saranno lasciati emozionare da colori e profumi unici, in una natura che ha mostrato il suo lato migliore. Si saranno sentiti piccoli…al confronto con la sua forza ineguagliabile.

keep-calm-and-do-the-ho-oponopono-6

PRIMA PARTE: INTRODUZIONE

SECONDA PARTE: GIAPPONE

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com

Oriente, Viaggi

KOH LIPE

shutterstock_106262990

Koh Lipe

Un piccolo angolo di paradiso al largo delle coste della Thailandia nel mare delle Andamane. Una piccola “isola che non c’è” di cui innamorarsi non appena la si scorge. 

Thailandia….ancora Thailandia. La magica e mistica Thailandia. La Thailandia di antiche tradizioni, di storia, di religione, misticismo e spiritualità. Questa volta, una Thailandia ancora più speciale. Una Thailandia che si rivela e scopre un piccolo angolo di paradiso nascosto tra le onde di un mare turchese. Un piccolo isolotto a forma di boomerang lungo soli tre chilometri seduto sul bordo di un Parco Marino Nazionale spunta in mezzo al Mare delle Andamane, a sessanta chilometri dalla terra ferma.

images (6)

Koh Lipe colors

Uno dei motivi per cui amo il mio lavoro è perché a volte si ha il privilegio di scoprire angoli della Terra nascosti ai più. E Koh Lipe è uno di questi! Una scoperta che lascia senza parole, perché nell’immaginario comune Koh Lipe rappresenta il paradiso figurato. Spiagge di borotalco lambite da acque che si colorano delle mille sfumature possibili di turchese, sentieri interni che portano da un lato all’altro dell’isola permettendo di scoprirla in poche passeggiate, giardini di corallo sommersi facilmente raggiungibili con due pinnate dalla spiaggia, scorci di un eden beato che riporta alla natura selvaggia nascosta in ognuno di noi.

images

A forbidden island

Koh Lipe è un’isola che va bene per tutti. Per chi è in coppia e vuole una vacanza romantica, per chi è solo e vuole concedersi il meglio, per chi è in famiglia e vuole far scoprire ai propri bimbi l’originale contatto con madre natura. Koh Lipe poi, pur essendo piccola, non si fa mancare nulla. Perché a Koh Lipe se hai un buon libro puoi consumarlo all’ombra di un albero sulla spiaggia. Oppure puoi concederti un massaggio thailandese sulla sabbia. O fare shopping in uno dei tanti negozietti di Walking Street, una stradina che collega le due spiagge principali dell’isola che brulica di ristorantini di legno e baretti. Puoi fare un giro in kayak, oppure puoi prendere una delle tantissime longtail ormeggiate di fronte alle spiagge che ti portano con meno di venti dollari a scoprire le vicine isole disabitate e magari fare un picninc in campeggio, o ti lasciano scivolare in acqua proprio sopra una collina di coralli dai mille colori.

koh_lipe_beach_pattaya

Longtail in Pattaya Beach

Se infatti ami il mondo sommerso a Koh Lipe puoi fare snorkeling mettendoti le pinne a riva, e se sei sulla spiaggia di Sunrise scopri giardini di reef che sembrano dipinti da Monet. Se poi ami metterti una bombola sulla schiena e sgonfiare un gav, scoprirai che Koh Lipe è la tua isola! Morbidi coralli, relitti, affioramenti rocciosi, mante e ogni tanto squali balena…saranno solo una piccola parte di ciò che scoprirai aggirandoti nelle acque di Koh Lipe.

koh_lipe_things_to_do_diving

Diving

Se invece, come per le Giraffe, quello che ti piace è conoscere nuove persone e nuovi costumi, conoscere tradizioni e culture lontane dalla tua, a Koh Lipe c’è una piccola famiglia di zingari di mare: il popolo Chao Lay. Cinquecento persone che vivono di pesca e di partecipazione alle attività turistiche. Sorrisi smaglianti pronti ad accogliere i visitatori dell’isola, il cui unico scopo sarà di fare innamorare della loro piccola isola.

sunset beach

Sunset Beach

A Koh Lipe però non devi aspettarti il lusso. Non ci sono resort stellati e maggiordomi in guanti bianchi. A Koh Lipe il lusso è nella natura selvaggia e le strutture alberghiere che vi si trovano scelgono di restare coerenti con essa. Bungalow di legno sulla spiaggia o nella vegetazione, capanne costruite su alberi che si raggiungono con assi di legno poggiate sui rami, niente scarpe e solo due parei in valigia. Koh Lipe è un luogo di vacanza in cui l’unica cosa che conta è aprire il proprio cuore per stamparci sopra immagini ed emozioni che non potrai dimenticare.

castaway resort

Castaway Resort

Koh Lipe è un’isola che ti fa emozionare e innamorare al primo istante. Koh Lipe ti affascina e cattura il tuo cuore per non lasciarlo mai più andare.  Koh Lipe è uno di quei magici luoghi della nostra amata Terra che una volta nella vita vi vista. E se poi ci vai….non potrai non tornarci!

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com

Africa, Hotel, Oceano Indiano

Soneva Fushi

Atollo di Baa, Maldive

Una volta nella vita alle Maldive bisogna andarci. Anche solo per provare l’emozione di trascorrere dei giorni su un’isoletta sperduta nel mare, circondata da acque cristalline piene di vita sottomarina dai colori arcobaleno, con una camera che quando esci o metti i piedi sulla sabbia o ti fai un bagno in mare, un luogo in cui le preoccupazioni svaniscono e lasciano spazio ai pensieri positivi che rinfrancano lo spirito.

Jungle-Reserve-from-sea3

Jungle Reserve

Con la famiglia Soneva le Maldive si possono vivere in un modo ancora più particolare. Si può trascorrere una vacanza ispirata a Robinson Crusoe senza tralasciare il lusso che solo Soneva è in grado di dare. Allora perché non scegliere di andare alle Maldive e farlo con uno stile impeccabile per vivere una vacanza memorabile e irripetibile?

Sandbank

Sandbank

Soneva Fushi, nell’atollo di Baa sull’isola privata di Kunfunadhoo, è la vera esperienza Crusoe, dagli arredi, alle camere, alle spiagge incontaminate, ai Mr & Ms Friday che si occupano di coccolare gli ospiti. Riserva della Biosfera UNESCO, Kunfunadhoo è l’isola tra le più grandi delle Maldive, con la sua lunghezza di oltre un chilometro e larga quattrocento metri. Queste dimensioni permettono a Soneva Fushi di regalare ai suoi ospiti un’intimità assicurata. Un’esperienza di lusso sofisticato che abbraccia la natura circostante rendendo il resort un vero paradiso idilliaco.

Sandbank-tent-details

Sandbank Tent

La filosofia di base di Soneva Fushi si ispira ad un lusso intelligente che combina i più alti standard di servizio e qualità con i principi della sostenibilità ecologica e la protezione dell’ambiente. Slow Life e No News No Shoes sono il motto del resort, che si ispira a un modo di vivere sano, legato al benessere, alla serenità e all’ecologia. Qui natura e ambiente si combinano perfettamente con un’esperienza e uno stile raffinati, eleganti ma sobri. Quest’ atmosfera si respira ovunque al Soneva Fushi ed è resa ancor più evidente dal dress code casual.

First_Floor_Bedroom

Bedroom, First Floor

Un soggiorno a Soneva Fushi vuol dire trascorrere una vacanza in una villa privata adagiata sulla spiaggia a pochi passi da una spettacolare barriera corallina. Vuol dire passeggiare per l’isola e scovare tartarughe residenti e conigli che scorrazzano in questo gioiello color smeraldo che spunta dal nulla di un mare color turchese. Quì ritorni bambino e per aiutarti a sentirtici il resort, quando arrivi, ti da una bicicletta per esplorare l’isola proprio come Robinson Crusoe. Pedalando incontri lingue di sabbia bianca che vanno a nascondersi in una giungla da scoprire. Ogni angolo di Soneva Fushi rappresenta un’emozione da vivere e ti renderai conto che non basteranno le giornate previste per provarle tutte!

Sunrise_Beach_Breakfast

Sunrise Breakfast

A Soneva Fushi non ti annoi mai, hai tante cose da provare, da sentire e da percepire sulla pelle che ogni giorno sarà diverso dall’altro. Potrai decidere di rimanere a casa e goderti la privacy della tua villa con un pranzo takeaway guardandoti uno dei cinquecento film caricati su un I-Pod di ultima generazione, oppure potrai guardare un film al Cinema Paradiso sulla spiaggia all’aperto, come potrai visitare l’Osservatorio Astronomico dell’isola e guardare le costellazioni guidato da un esperto. Potrai fare una crociera al tramonto con i delfini, o un picnic su una delle lingue di sabbia delle tre isole deserte vicine. Potrai ovviamente fare snorkeling e immersioni tra mante e razze, ma potrai anche rilassarti nell’esclusiva Spa Six Senses che ti accoglierà nel suo laghetto con cascata pronta a dedicarti trattamenti olistici o a farti partecipare ad una lezione di Yoga o Tai Chi. Soneva Fushi è fatto di scelte importanti, infatti potrai scegliere tra sessanta gusti di gelato, undici tipi di cuscini e cinquecento vini della wine cellar del resort.

Jungle Reserve view

Jungle Reserve View

Tutte queste scelte, tutte queste opzioni e possibilità, a Soneva Fushi sono realizzate nel totale rispetto per l’ambiente circostante, per garantire il minimo impatto sulla terra. Ogni cosa, dal legname ai raggi solari, viene riutilizzata.  Le materie prime utilizzate per preparare i prelibati piatti offerti dal resort nei suoi ristoranti sono tutte provenienti dalle coltivazioni dell’orto dell’isola o dalla pesca del suo mare circostante. La vicinanza con la natura, il profondo rispetto per le meraviglie del mare, lo stare a piedi nudi ventiquattro ore su ventiquattro, tutto per regalare agli ospiti una sensazione di libertà assoluta e pace interiore.

Observatory

Osservatorio

Soneva Fushi regala un sogno che diventa una realtà impareggiabile. Se vuoi il meglio dalla vita, se vuoi il meglio da una vacanza, se vuoi il meglio in assoluto…devi sceglierei di trascorrere del tempo a Soneva Fushi!

www.soneva.com/soneva-fushi

Hotel, Oriente

Amanwana

Moyo Island, Indonesia

Sempre OrienteIndonesia….perché una volta nella vita bisogna andarci, perché è unica e non ripetibile, perché le emozioni che ti può regalare sono di valore inestimabile. Al di fuori dei classici itinerari che prevedono la grande isola di Java e la famigerata Bali, che tutti ormai conosciamo; al di fuori di quei circuiti meno conosciuti ma sempre battuti come la mistica Lombok e il bellissimo mare di Gili Trawangan; al di fuori dei banali luoghi comuni (anche se l’Indonesia è comunque tutto fuorché banale) esiste un mondo a parte andando verso la parte orientale di questo arcipelago di oltre diciassettemila isole. Esiste un mondo in cui il tempo si è fermato ai tempi della preistoria in un luogo in cui l’uomo non ha ancora avuto la meglio. Esistono paesaggi incontaminati con chilometri di vegetazione intatta, specie animali introvabili, e natura sottomarina che offre alcune delle migliori immersioni e snorkeling del Paese. Esiste questo luogo sulla nostra amata Terra…che si chiama Moyo Island.

RS206_Amanwana - Jungle Tent-scr

Jungle Tent

Parco marino protetto e riserva naturale, Moyo è un’isola di trecentocinquanta chilometri quadrati ad Est dell’isola di Lombok con una vegetazione che va dalla savana alla giungla tropicale e una fauna che varia tra cervi, cinghiali, scimmie macachi, aquile di mare, falchi pescatori, … e se vogliamo parlare del mondo sottomarino…la sua biodiversità è tra le più spettacolari del mondo! Moyo si affaccia sul Mar di Flores e, se qualcuno associa Flores a Komodo, capirà che sì…da Moyo si è molto vicini al più famoso drago preistorico di Komodo: l’unico superstite ancora vivente che ci ricollega ai nostri antenati.

wana_bay_view1_alb

Bay View

Amanwana, o foresta pacifica, è l’unico resort situato sull’isola di Moyo. Credo che questa descrizione possa bastare a capire quanto possa essere incredibile un soggiorno qui. Ma Amanwana non si accontenta di questo, vuole davvero donare ai suoi ospiti un regalo speciale e unico, come solo Aman Resorts sa fare.

Adagiato su una spiaggia incontaminata Amanwana è un rifugio deserto costituito da tende di lusso. Circondato dalle acque turchesi e dalle scogliere del Mar Flores offre un’esperienza di vita in un mondo naturale nella sua forma più diversificata.

wana_bike_trail1_alb

Trekking

Venti tende di lusso con letti a baldacchino e salotto arredato con divani immensi, pavimenti di parquet e finestre di vetro che collegano l’interno con la natura all’esterno. Sentieri di sabbia collegano le tende e portano alla spiaggia e alle aree comuni. Ogni tenda è uguale, differenzia soltanto nella posizione…quella Ocean ti permette di svegliarti guardando le onde del mare.

RS211_Amanwana - Restaurant Lounge Area-scr

Restaurant Lounge

Circondato da foresta pluviale, il resort si affaccia su Amanawana Bay, parco marino protetto dotato delle migliori immersioni e snorkeling dell’Indonesia, adatte sia per i più esperti che per i meno. Tartarughe giganti, morbido corallo rosso, spugne verdi e gialle, miriadi di pesci tropicali rendono iridescente e affascinante questa vita sottomarina. A meno di dieci minuti di barca dal molo si raggiungono i punti di immersione più interessanti, dal muro di fronte alla spiaggia che scende per oltre quaranta metri, alla parete di Labuan Aji Reef, alle correnti di Angel Reef agli intatti giardini di corallo di Ribbon Medang, fino agli squali di Panjang. Per permettere ai suoi ospiti di scoprire il mare che circonda l’isola, Amanwana mette a disposizione varie barche, da yacht di lusso di cinquanta piedi a catamarano ad alta velocita, da un outrigger di venti piedi a un peschereccio per crociere al tramonto.

RS216_Amanwana - Tent Interior-scr

Tent

Ma Amanwana non è solo per chi ama il mondo sommerso, è anche per chi ha bisogno di allontanarsi dalla sua stressante vita quotidiana per immergersi in un paradiso naturale fatto di silenzio e pace. Miriadi di sentieri si irradiano fuori dal resort per permettere escursioni di trekking alla scoperta della natura che lo circonda. Viste panoramiche sul Mar di Flores, villaggi di pescatori, grotte di sette specie diverse di pipistrelli, avvistamento dall’alto di branchi di piccoli squali che nuotano nell’acqua bassa come per dire “Ehi, sono qui guardami!”.

RS196_Amanikan - Exterior-scr

Amanawa Amanikan

Amanwana è da scoprire, da vivere e da sperimentare sulla propria pelle. Amanwana è un luogo in cui bisogna andarci prima o poi. Amanwana è un sogno che diventa realtà in cui la natura diventa amica inseparabile.

www.amanresorts.com/amanwana

Sud America, Viaggi

BAJA CALIFORNIA

Un infinito che lascia spaesati, persi.
Perché in Baja California ti perdi, per poi al ritorno ritrovarti.
Un viaggio unico, indimenticabile.
Un viaggio fly & drive in un luogo caratterizzato da contrasti e contraddizioni.

mare

Contrasti e contraddizioni. Sulla costa, infinite spiagge di sabbia bianca, baie tranquille e scogliere imponenti; nell’entroterra, un deserto arido e una natura solitaria. La Baja California è un susseguirsi di paesaggi inaspettati, luoghi in cui nascondersi e fuggire, per essere dimenticati o per dimenticare, o anche solo per fuggire dalla stressante vita che ci condiziona. Una lunga fascia di terra bagnata dalle acque del Pacifico che parte dalla fine della California e si protende verso il basso.  Mille e settecento chilometri tra l’estremo nord di Tijuana all’estremo sud di Los Cabos.

balena2

Molti clienti conoscono questa regione del nostro Pianeta, molti altri ne hanno sentito parlare e vorrebbero saperne di più. Ad ogni modo, il miglior modo per far loro scoprire la Baja California è organizzare un viaggio fly & drive. Che sia con una guida o senza dipende dal desiderio dei miei clienti e dalle loro caratteristiche. Ad ogni modo un viaggio in Baja California regalerà loro emozioni talmente forti da restarne paralizzati. Immobili, di fronte a una natura sorprendente, a una fauna spettacolare. Il loro viaggio comincerà dal nord, da Tijuana, città di confine con la California degli Stati Uniti. Una netta linea di demarcazione: da una parte il buono, dall’altra il cattivo. Da una parte le leggi e il conformismo, dall’altra l’illegalità e l’individualismo. Per i miei clienti più avventurosi, il viaggio sarà con il noleggio di un’auto, magari una Dodge o una Jeep Patriot. Partendo da Tijuana, scopriranno un luogo dove le “montagne nuotano nel mare”, la Bahìa de Los Angeles. Visiteranno la cittadina di Ensenada se ameranno la pesca d’altura o Catavina se invece preferiranno il deserto di cactus. Andranno alla laguna salata Ojo de Liebre a cercare la balena grigia, soggiornando in una cittadina di confine tra la Baja California del Nord e quella del Sud: l’Isola del Guerrero Negro. Potranno da quì prendere un piccolo aereo per Isla Cedros e scoprire una fauna insolita caratterizzata da foche elefantine e otarie, o il cervo dalle grandi orecchie ormai in via di estinzione.

foto 2

Posada de las Flores, Punta Chivato

Proseguendo verso il Sud, passeranno per una Missione Gesuita risalente al millesettecento a San Ignacio, per avvistare le balene e scoprire l’arte rupestre precolombiana. Il loro fiato si bloccherà davanti allo spettacolo delle baie di Bahìa Conceptiòn e Mulegé. Ma prima, il loro percorso li porterà a Punta Chivato, a la Posada de las Flores, un resort circondato da acque cristalline in un’oasi di pace, natura e mare. Solo ventisei camere per giornate in mountain bike, kayak o maschera e pinne.

Baja Camp, Isla Espiritu Santo

Per rilassarsi faranno un bagno nelle acque caraibiche di Isla Colorado, nuotando con leoni marini. Sulla via di La Paz, ormai a sud della Baja California, si fermeranno in un’isola incontaminata, totalmente disabitata fatta solo tende sulla spiaggia, canne da pesca e canoe. Riserva naturale che si raggiunge con un’ora di barca da La Paz: la Isla Espiritu Santo. Insenature orlate da spiagge bianchissime solo per per sentirsi parte di una natura incombente, per dormire la notte sotto le stelle in un silenzio sconcertante che ti penetra nelle ossa e ti rimane addosso come una macchia indelebile. Quì si appoggeranno al Baja Camp e appoggeranno le loro valige in una delle cinque tende stile safari.

Esperanza, an Auberge Resort, Cabo San Lucas

Per completare questo itinerario “verticale”, dopo millesettecento chilometri si faranno coccolare in un resort tra Los Cabos (Cabo San Lucas o San José del Cabo).  Paradisi per pescatori e sub, ma anche per i festaioli. Un luogo carico di fascino di una storia antica, fatta di pirati e sapori coloniali. Per confermare, come sempre, le contraddizioni che caratterizzano la Baja California. Un piccolo paradiso in questa parte estrema Sud del viaggio, lo troveranno a Esperanza, an Auberge Resort, piccolo hotel in stile coloniale con una superba vista sul Mar di Cortez. Oppure, sceglieranno di concedersi il massimo e soggiorneranno al Las Ventanas al Paraiso di Cabo San Lucas, resort firmato Rosewood.

Las Ventanas al Paraiso

I miei clienti torneranno a casa con la memoria della reflex ormai esaurita, la pelle dorata, la salsedine ancora tra i capelli e i piedi scuri per non aver mai messo le scarpe. Verranno in agenzia da me e guardando i loro occhi capirò di aver regalato loro un sogno dal valore inestimabile, un ricordo indelebile che li riporterà a me ogni volta che vorranno sognare ad occhi aperti per rivivere quelle emozioni che solo la Baja California può regalare. E io sarò felice, avrò realizzato il mio di sogno: esaudire quelli degli altri!

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

michela@occhidigiraffa.com