Oceano Indiano

REUNION

Per chi ama la natura, lo sport, i paesaggi selvaggi e l’avventura.
Un viaggio da vivere in autonomia con un self drive, percorrendo strade sicure.
Un’isola fatta di scogliere, vulcani ancora attivi,
montagne e vegetazione lussureggiante in cui sembra di essere in Francia.

Trekking a Les Makes

Se ami la natura e vuoi scoprirla nella sua grandezza. Se sei uno sportivo e ami il trekking, il rafting, il canyoning, la mountain bike, le gite a cavallo, il diving, il pararpendio e qualunque altro sport collegato alla natura ti venga in mente. Se ami organizzare il tuo viaggio in libertà, con il noleggio di un’auto e poi partire alla scoperta di nuovi luoghi. Se hai dei bambini e vuoi che conoscano il mondo in ogni sua sfaccettatura. Se sei in coppia e cerchi qualcosa di diverso dal solito. Se ho catturato la tua attenzione….sei nel posto giusto!

Belvedere del Cirque de Mafate

A sole 11 ore di volo diretto da Parigi e con un paio d’ore di fuso orario si raggiunge l’isola di Reunion. La compagnia Air Austral opera con 10 voli settimanali da Charles de Gaulle con orari notturni, e collega l’isola ad altre destinazioni come Johannesburg (Sud Africa), Seychelles, Madagascar. Bagnata dalle acque dell’Oceano Indiano, vicina alla sua parente Mauritius (solo 30 minuti di volo), Reunion è luogo esotico in cui sembra di essere in Europa. Da remoto tempo terra francese, in quest’isola le cose le paghi con gli Euro, le strade sono ben indicate e in condizioni quasi migliori delle nostre, il livello sanitario è identico a quello francese. In alcuni momenti, sembra quasi di essere in vacanza in Costa Azzurra, ma illuminati da una mistica luce tropicale. Se quindi cerchi un viaggio avventuroso e naturalistico restando in totale sicurezza…questa è la tua meta!

Eruzione del Piton de la Fournaise

Il periodo migliore per visitare Reunion è il nostro autunno, in cui il clima è più secco. Ma da giugno a settembre le balene le passano vicino e nel periodo delle piogge (gennaio-febbraio-marzo) non avete idea della quantità di fiori che sbocciano! Quindi…posso dire che forse ogni momento è un buon momento per andare a Reunion. Il modo ideale per scoprirla è con un self drive noleggiando un’auto all’arrivo per riconsegnarla alla partenza. Al vostro arrivo farete un breafing con il corrispondente locale in cui vi verrà spiegato tutto ciò che c’è da sapere per girare in sicurezza quest’isola, grande poco più di Mauritius (2.500 chilometri quadrati).

Balene e delfini

Reunion ha una costa fatta principalmente di scogliere e l’unico punto in cui si può fare il bagno è un tratto di costa lunga 20 chilometri ad ovest, una laguna protetta dalla barriera corallina in cui gli squali, eterni abitanti delle acque locali, non possono entrare. Per gli amanti delle immersioni divers, locali possono accompagnarvi in emozionanti scoperte. La zona Sud dell’isola è considerata la più selvaggia, un luogo magico in cui le acque dell’oceano si incontrano con la lava di un vulcano ancora attivo: il Piton de la Fournaise, la star dell’isola. I locali dicono che queste zone siano bruciate. Avvicinandosi alla costa tre colori diventano predominanti: il blu del mare, il verde degli alberi e il nero del basalto. La costa est è invece la parte più verdeggiante e naturalistica ricca di cascate e corsi d’acqua percorribili in escursioni. La particolarità di Reunion è che i locali non sono nativi, provengono dall’Africa, dall’Europa, dalle vicine isole e si mescolano tra loro armoniosamente rispettandosi tra loro. Per questo sarà facile incontrare chiese cattoliche o protestanti e subito dopo moschee, e poi luoghi di culto induisti e buddisti. Così come la religione, il colore della pelle e le tradizioni si mescolano, anche la gastronomia fa altrettanto. Mangiare a Reunion diventa un piacere per il palato, esaltato dalla coloratissima e squisita collezione di frutta e verdura che si trova nei mercati, allietati dall’odore di vaniglia che pervade ogni angolo dell’isola.

Cucina Creola

Quì gli hotel di lusso sono pochi e molto onestamente non vale la pena sceglierli in questo viaggio. Le strutture ricettive sono semplici ma pulite, di charme e in buone condizioni. Il mio consiglio è quindi quello di optare per hotel di 2 o 3 stelle.

Saint Paul, la Via Lattea

Un itinerario a Reunion potrebbe cominciare dalla capitale Saint Denis, la città francese più grande al di fuori dell’Europa, intrisa di storie di pirati e aviatori leggendari. Quì sembra davvero di essere in Francia e una passeggiata per le vie di questa città vale davvero la pena. Appena lasciata la capitale ci si ritrova immersi in piantagioni sconfinate di canna da zucchero e sembra di essere catapultati in una nuova dimensione. I contrasti infatti quì si fanno davvero forti, si passa da piccole cittadine creole come Hell Bourg, ad altipiani popolati da mucche al pascolo che fanno pensare alle montagne di Heidi di La Plaine des Palmistes. Si passa da paesaggi verdeggianti con alberi maestosi a terreni aridi e quasi privi di vita che circondano i vulcani.

Trekking al Cirque De Mafate

Punti di forza dell’isola sono sicuramente i Cirque (protetti dall’UNESCO), immensi anfiteatri naturali formati da bocche di vulcani spenti, e i Piton, i vulcani dell’isola. Piton de Neiges è il vulcano da cui nacque Reunion, oggi è inattivo e per arrivare alla sua cima si sale a oltre 3.700 metri. Piton de la Fornaise è il più spettacolare, un vulcano ancora attivo ma completamente ‘innocuo’ in quanto negli anni la lava ha scavato i suoi percorsi e permette di essere ammirata mentre si tuffa nel mare. Sicuramente un’escursione in elicottero sopra questi territori vale davvero la pena di essere fatto (i costi si aggirano tra i 100 e i 300 euro).

Spiaggia

Il viaggio a Reunion potrebbe concludersi con qualche notte di soggiorno balneare a Mauritius, oppure restando quì e scegliendo un hotel nella costa ovest. La sabbia della spiaggia è ricca di coralli, ma la sua bellezza è che (salvo un hotel di lusso) non è attrezzata e quindi rimane selvaggia, e che il sole ogni sera tramonta davanti a lei.


Il tour self drive proposto dal Tour Operator Il Diamante propone un itinerario completo che permette di scoprire l’isola nella sua interezza. Un percorso di 5 notti in hotel 2-3 stelle a partire da € 500 a persona. Guarda il programma ‘Le meraviglie di Reunion’.

Un speciale ringraziamento va a Laura Schiappacasse, Product Manager dell’Oceano Indiano de il Diamante; all’Ufficio del Turismo di Reunion e ad Air Austral. 

Vuoi che la Giraffa organizzi un viaggio simile a questo per te per rendendolo unico e indimenticabile?
Perché un viaggio è un sogno
che visto con gli occhi di una Giraffa diventa speciale.

+39 391 7761 821

michela@occhidigiraffa.com

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.